Colesterolo e attività fisica
colesterolo e attività fisica

Per difendere la nostra salute e prevenire pericoli per il cuore è bene modificare lo stile di vita mettendo in atto alcuni comportamenti raccomandati, come:

  • seguire un’alimentazione sana, con particolare attenzione agli alimenti ricchi di grassi saturi e dando preferenza ai cibi sani (verdura, frutta, pesce, cereali)
  • evitare il fumo
  • praticare un’attività fisica regolare.

Vediamo perché lo sport e così importante e, in particolare, come può aiutarci a mantenere sotto controllo il livello di colesterolo e quindi evitare i problemi connessi a un suo eccesso.

Perché è importante fare sport?

Esiste un legame molto stretto tra quanto movimento facciamo nella nostra quotidianità e la nostra aspettativa di vita, infatti le popolazioni più attive da un punto di vista fisico generalmente vivono più a lungo. Muoverci nell’ambiente in cui viviamo ci aiuta a migliorare non solo la salute fisica, ma anche quella psicologica e l’aspetto sociale della vita, a tutte le età.
Con attività fisica si intende qualunque attività che implica un dispendio energetico, come lavorare, camminare, fare la spesa e i lavori domestici. Queste attività vengono considerate un’attività motoria spontanea.
Con esercizio fisico si intende, invece, un’attività motoria programmata, che viene praticata con una certa regolarità, ad esempio quotidianamente o settimanalmente, e in modo organizzato.

Essere attivi fin dall’infanzia, insieme ad una dieta equilibrata, dà molti benefici.

  • È fondamentale per lo sviluppo di muscoli e ossa
  • Riduce l’obesità
  • Migliora la capacità di apprendimento
  • Rafforza la stima in sé
  • È utile per favorire la socializzazione

Anche nelle persone adulte l’attività fisica esercita molti benefici per la salute.

  • Contribuisce a ridurre la probabilità di insorgenza di alcune condizioni patologiche
  • Migliora la digestione e la funzione intestinale
  • Aiuta a mantenere il peso corporeo adeguato e quindi a combattere sovrappeso
  • Ha effetti favorevoli sulla salute psichica

Qual è la differenza tra attività fisica aerobica e anaerobica?

L’attività anaerobica è un esercizio intenso e di breve durata in cui vengono consumate le riserve di energia presenti nel muscolo, senza l’utilizzo di ossigeno e con produzione di acido lattico.
L’attività aerobica consiste, invece, in movimenti a carico di più muscoli e per un periodo di tempo più lungo. L’esercizio aerobico comporta l’aumento del consumo di ossigeno e un maggiore apporto di sangue ai muscoli, con il coinvolgimento dell’apparato respiratorio e cardiocircolatorio. Durante questo tipo di sforzo vengono utilizzate le riserve di zuccheri e di acidi grassi nel sangue allo scopo di liberare l’energia necessaria al movimento.

I benefici dell’attività fisica in caso di colesterolo “cattivo” alto

Per le persone che presentano fattori di rischio cardiovascolare come ipertensione arteriosa, diabete, alti livelli di LDL, o “colesterolo cattivo”, e di trigliceridi, < Linkto: 3.5 differenze trigliceridi e colesterolo> bassi livelli di HDL, eccesso di grasso corporeo, o nei pazienti cardiopatici, è necessario aumentare l’attività fisica per la prevenzione degli eventi cardiaci.
L’esercizio fisico, infatti, è in grado di ridurre la quantità di colesterolo totale.
L’attività fisica più indicata per abbassare i valori di LDL è quella aerobica e comprende esercizi di intensità moderata o vigorosa. In particolare, è stato dimostrato che in persone in sovrappeso con grassi elevati nel sangue, l’esercizio aerobico intenso (come corsa a passo lento) è in grado di:

  • aumentare le HDL
  • ridurre le LDL
  • ridurre i trigliceridi.

Oltre all’attività di tipo aerobico, sono raccomandati anche esercizi “di forza” (resistance training) come piegamenti, flessioni, o esercizi con l’aiuto di attrezzature da palestra. Questo tipo di esercizio fisico è utile per le ossa, che restano solide grazie alla stimolazione dei muscoli, e per i muscoli la cui massa viene mantenuta o aumentata. Anche la forza muscolare migliora insieme alla potenza e alla loro capacità funzionale.

Quali sono gli sport migliori per tenere sotto controllo il colesterolo?

Non esiste uno sport migliore degli altri, tra le attività fisica aerobiche consigliate ci sono:

  • camminare a passo sostenuto
  • corsa o jogging
  • nuoto
  • marcia
  • ciclismo
  • sci di fondo
  • danza
  • aerobica
  • pattinaggio

Ma quanto spesso occorre allenarsi? Sia per l’uomo che per la donna, le raccomandazioni indicano:

  • almeno mezz’ora di attività moderata per 5 giorni a settimana
    oppure
  • almeno 15 minuti di attività intensa per 5 giorni a settimana
    oppure
  • 10 minuti di entrambe le opzioni

Se una persona non si allena da diverso tempo inizialmente si possono fare anche sessioni più brevi di 10 minuti.
Per fare in modo di avere dei buoni risultati in termini di riduzione dei grassi nel sangue potrebbe essere utile allenarsi ogni giorno più a lungo.

Per quanto riguarda il resistance training, le linee guida suggeriscono almeno due sessioni alla settimana eseguendo esercizi che facciano lavorare più muscoli possibile.

L’attività fisica si può considerare parte integrante del trattamento dell’iperlipidemia. Per questo è importante evitare il fai-da-te e rivolgersi al proprio medico per ricevere consigli e raccomandazioni sull’attività da praticare. Il medico (o l’operatore che ne ha facoltà) valuterà per ogni soggetto quale sport o esercizi consigliare e indicherà con quale frequenza e intensità eseguirli; il tutto per mantenerci in forma, nel rispetto del corpo, e per migliorare il nostro benessere.

Bibliografia

  • Società Europea di Cardiologia, Società sulla Prevenzione delle Malattie Cardiovascolari nella Pratica Clinica, Associazione Europea per la Prevenzione e Riabilitazione Cardiovascolare (EACPR). Linee guida europee 2016 sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari nella pratica clinica. SG Ital Cardiol 2017;18(7-8):547-612.
  • Ministero della Salute. Linee di indirizzo sull’attività fisica per le differenti fasce d’età e con riferimento a situazioni fisiologiche e fisiopatologiche e a sottogruppi specifici di popolazione.
  • Attività fisica e salute http://www.salute.gov.it/portale/salute/p1_5.jsp?lingua=italiano&id=51&area=Vivi_sano
  • Gian Pasquale Ganzit e Luca Stefanini. PATOLOGIE CARDIOVASCOLARI E ATTIVITÀ FISICA
  • Spurway NC. Aerobic exercise, anaerobic exercise and the lactate threshold BrinA Mttbcai BulUm (1992) Vol. 48, No. 3, pp. 569-591
  • Mann S, et al. Differential Effects of Aerobic Exercise, Resistance Training and Combined Exercise Modalities on Cholesterol and the Lipid Profile: Review, Synthesis and Recommendations. Sports Med (2014) 44:211–221
Promo Colesia Novembre 2021
Provami gratis!